Vaccini influenzali a confronto su sicurezza e qualità di vita per gli over 65

tagmedicina,influenzali

Il vaccino influenzale trivalente inattivato adiuvato (aIIV3) e il vaccino influenzale trivalente inattivato ad alto dosaggio (HD-IIV3) sono entrambi sicuri nelle persone anziane e hanno un effetto comparabile sulla qualità della vita, secondo uno studio pubblicato su Jama Network Open. «Il vaccino aaV3 e il vaccino HD-llV3 sono entrambi autorizzati negli Stati Uniti per gli adulti di età pari o superiore a 65 anni. Mancano però dati sugli effetti comparativi di sicurezza e qualità della vita correlata alla salute (HRQOL) di questi vaccini» afferma Kenneth Schmader, della Duke University School of Medicine e del Durham VA Health Care System, negli Stati Uniti, autore principale dello studio.

I ricercatori hanno portato avanti uno studio multicentrico condotto durante le stagioni influenzali 2017-2018 e 2018-2019 negli Stati Uniti, che ha coinvolto 757 adulti residenti in comunità e con almeno 65 anni di età. I partecipanti sono stati randomizzati a ricevere aIIV3 o HD-IIV3 per via intramuscolare. Ebbene, la percentuale di individui che ha riferito dolore al sito di iniezione da moderato a grave, che ha limitato o impedito le normali attività, dopo aIIV3 (12 partecipanti) non è stata inferiore rispetto a quella del gruppo HD-IIV3 (22 partecipanti). Dieci reazioni hanno soddisfatto i criteri di non inferiorità per aIIV3, mentre quattro (dolorabilità al sito di iniezione da moderata a grave, artralgia, affaticamento, malessere) non l’hanno fatto. Non è stato possibile concludere se queste quattro reazioni si siano verificate in proporzioni più elevate di partecipanti dopo la somministrazione di aIIV3. Nessun partecipante ha avuto necessità di assistenza medica per una reazione al vaccino, e non è stato osservato alcun evento avverso di interesse clinico. Nove partecipanti hanno presentato eventi avversi gravi dopo aIIV3 mentre tre li hanno presentati dopo HD-IIV3, ma nessuno di questi è stato associato alla vaccinazione. I cambiamenti nei punteggi di qualità della vita pre- e post-vaccinazione non sono risultati clinicamente significativi e non hanno mostrato differenze tra i gruppi. I risultati di sicurezza globale e qualità della vita sono stati simili per entrambi i vaccini, e sono rimasti coerenti con i dati degli studi che hanno portato all’approvazione degli stessi. «Dal punto di vista della sicurezza, i risultati di questo studio supportano l’utilizzo di entrambi i vaccini per prevenire l’influenza negli anziani» concludono gli autori.

JAMA Network Open 2021. Doi: 10.1001/jamanetworkopen.2020.31266
http://doi.org/10.1001/jamanetworkopen.2020.31266

 

CONDIVIDI

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome