Il seminoma del testicolo può causare ridotta fertilità nell’uomo

Il seminoma ai testicoli è uno dei tipi più comuni di cancro tra gli uomini in età riproduttiva

tagmedicina,seminoma

Il seminoma ai testicoli è uno dei tipi più comuni di cancro tra gli uomini in età riproduttiva. I pazienti con questa condizione di solito presentano una qualità del seme ridotta, anche prima di iniziare la chemioterapia. Tuttavia, i meccanismi sottostanti con cui il seminoma testicolare colpisce la fertilità maschile sono in gran parte sconosciuti. Lo scopo di un recente studio era di valutare le alterazioni del proteoma dello sperma negli uomini con seminoma sottoposto a banca del seme prima di iniziare la terapia del cancro, rispetto agli uomini fertili comprovati sani (gruppo di controllo). È stata condotta un’analisi del seme di routine prima della crioconservazione dei campioni (n = 15 per gruppo). Gli uomini con seminoma hanno mostrato una diminuzione della motilità degli spermatozoi (P = 0,019), conteggio totale dei motili (P = 0,001), concentrazione (P = 0,003) e conteggio totale degli spermatozoi (P = 0,001). L’analisi proteomica quantitativa ha identificato 393 proteine ​​espresse in modo differenziato tra i gruppi di studio. Dieci proteine ​​coinvolte nella spermatogenesi, nella funzione spermatica, nel legame degli spermatozoi agli ovociti e nella fecondazione sono state selezionate per la validazione mediante western blot. Abbiamo confermato la sottoespressione della proteina 2 di 70 kDa legata allo shock termico (P = 0,041), la proteina 2 dell’ubiquinolo-citocromo C reduttasi 2 (P = 0,026) e la subunità alfa / 4 di ATPasi di trasporto di sodio / potassio specifica per il testicolo 0,016), nonché la sovraespressione dell’enzima di conversione dell’angiotensina I (P = 0,005) nel gruppo seminoma. I livelli di espressione alterata di queste proteine ​​sono associati a disfunzione della spermatogenesi, ridotta cinematica e motilità degli spermatozoi, fallimento della capacità e della fecondazione. I risultati di questo studio possono spiegare la diminuzione della capacità fertilizzante degli uomini con seminoma prima di iniziare la terapia del cancro.

CONDIVIDI
Dott. Andrea Militello, Urologo/Andrologo
Laurea in “Medicina e Chirurgia" conseguita nel luglio 1991 con votazione di 110/110 e lode presso l’Universita’ degli Studi di Roma “La Sapienza”, discutendo la tesi sperimentale: ”Chemioterapia endocavitaria con epidoxorubicina e interferone per via sistemica nella profilassi dei tumori superficiali della vescica”. Nel novembre 1996 ha conseguito la specializzazione in Urologia con votazione di 70/70 e lode presso il Dipartimento di Urologia “U. Bracci” del Policlinico “Umberto I” di Roma discutendo la tesi sperimentale: ”L’ecografia trans rettale, il PSA ed il PSAD. Tre metodiche a confronto nella diagnostica del carcinoma della prostata”. Nel 2014 conseguimento di Master di II livello in Andrologia ,implantologia e chirurgia protesica. Nel 2016 conseguimento Master di secondo livello in Seminologia e Fisiopatologia della Riproduzione Umana. Dal 2018 revisore delle riviste scientifiche Central European Journal of Urology , Hormone and Metabolic Research Journal. Dal 2018 libero docente presso l’Università Federiciana di Cosenza. Nel 2014 vincitore del Doctoralia Awards quale miglior Urologo Andrologo d’Italia , nel 2018 Vincitore del Mio Dottore Awards quale miglior Urologo Andrologo d’Italia.

CONTATTA L'AUTORE DELL'ARTICOLO:

LASCIA UNA RISPOSTA

Inserisci il tuo commento!
Inserisci il tuo nome